A mussulmani, ebrei, indù, cristiani, pandeisti e agli atei,
ai corrotti e ai corruttori,
alle guardie, ai ladri e ai derubati,
ai gialli neri e bianchi e anche ai meticci,
ai grandi e ai piccoli, ai giovani e ai vecchi,
ai ricchi e ai poveri,
ai buoni e ai cattivi,
ai furbi e agli scemi,
ai grandi e ai piccoli, grassi e magri,
a mono e etero sessuali,
ai saggi e agli ignoranti,
a tutti quelli che c’erano e quelli che ci saranno
e perché no, anche a me

TANTI MA TANTI

AUGURI