Quando la quantità è necessaria per la qualità. Così si spiega anche perché nelle grandi organizzazioni la conoscenza fiorisce maggiormente e coinvolge più persone.

Leggi l’articolo sul sito di Oggiscienza:

Meglio pochi ma buoni? No grazie.